Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

  Richiedi la disponibilità agli hotel

Festival dei Fiori

Dal 31 Maggio al 03 Giugno 2018

 

❀ scarica qui il programma completo del Festival dei Fiori  

 

Dal 31 maggio al 3 giugno il Centro Storico di Levico Terme si veste di fiori in tutte le loro forme e colori con la terza edizione dell’omonimo Festival, organizzato dal Consorzio Levico Terme in Centro grazie alla preziosa collaborazione del Comune, dell’Azienda per il Turismo Valsugana Lagorai, della Provincia Autonoma di Trento, della Cassa Rurale Alta Valsugana e di Itas Assicurazioni.

Il filo conduttore dell’edizione 2018, individuato grazie alla direzione artistica di Patrizia Cova – EcoFlowerDesigner, sarà quello di “Slow Flowers”. La tendenza degli specialisti più attenti del settore è infatti rivolta al regalare bellezza, quella intensa e spontanea che solo la natura può dare. Slow Flowers vuole puntare l'attenzione sul fascino degli elementi che ci stanno intorno, partendo da un semplice fiore o da una pianta, dai singoli colori e profumi ricordandoci di essere semplici. 

Ogni angolo del Centro Storico vanterà spazi allestiti secondo il rispetto dell’essenza della natura. Tale iniziativa è uno dei punti di forza del Festival: le aiuole e le installazioni coloreranno infatti la cittadina termale. Di particolare interesse, la collaborazione con il Centro “Don Ziglio”, che farà fiorire il Rio Maggiore con l’installazione floreale “Macchie di Colore”.  Le installazioni rimarranno sino alla fine di settembre, elemento che già nella scorsa edizione è stato apprezzato sia dai numerosi turisti, sia dai residenti. 

Oltre alle aree dedicate alla rivendita di fiori e piante, tra cui spiccano Floricoltura Ognibeni, Fioreria Morena, Soc. Agr. Sergio Contarin, Az. Agr. Carline Sandrine e Floricoltura Manfrin Renzo, l’evento metterà in luce tutte le sfumature del tema: le vie della cittadina accoglieranno professionisti del pollice verde, della cosmesi, dell’enogastronomia e dell’intrattenimento per bambini per una vera e propria rassegna fiorita. 

Gli amanti della creatività potranno partecipare ai numerosi laboratori gratuiti per apprendere i segreti degli esperti, con le lezioni di centrotavola a cura di Fioreria Morena, con le lavorazioni di fiori all’uncinetto o segnalibri con la tecnica doodle di MFV Proyecto, con i fiorellini in lana del Centro Don Ziglio, la creazione di braccialetti in feltro e la tessitura de La Casa di Feltro, con i bijoux fioriti di Vegetti Gioielli, con piccole decorazioni fiorite di Flarì – Flower Decor, la creazione di sali aromatici a cura dell’Az. Agr. Dal Fior.  Divertimento garantito per i bambini con tante altre esperienze gratuite: decorazione di quadretti in legno, l’erbario di Magie di un Tempo, nonché attività di strapianto saranno solo alcuni dei tanti modi per avvicinare i più piccoli al mondo della natura in fiore.

Oltre ai tanti laboratori vi sarà la possibilità di osservare da vicino la camera di volo delle api dell’Azienda Agricola Facchinelli per scoprire le fasi che portano dall’impollinazione del fiore alla produzione di diverse varietà di miele, da degustare per tutta la durata del Festival. 

Spazio agli amanti della buona tavola con la rassegna Il Pollice Verde in Cucina: sabato e domenica esperti chef si alterneranno in piazza della Chiesa per svelare i segreti della preparazione di piatti in linea con il tema della manifestazione. Gli aspiranti Masterchef potranno anche dilettarsi nella produzione di sali aromatici con le erbe officinali dell’Azienda Agricola Dal Fior e nelle lezioni di cake design a cura di In Cucina con Marcy – Pasticceria Dolcemondo.

Da non perdere l'appuntamente con Gabriele Biancardi, voce storica di Radio Dolomiti, che porterà a Levico Terme una straordinaria storia del nostro Novecento: sono le vite, gli amori e i legami indissolubili di migranti in cerca di fortuna. Il tutto accompagnato dai sogni in musica del cantautore Candirù.